Come scrivere un arrangiamento. Seconda Parte – Le scelte fondamentali

Nello scorso articolo abbiamo iniziato a vedere quali sono le domande da porsi prima di iniziare a scrivere un arrangiamento.

Entriamo nel vivo della produzione cominciando a rispondere alle principali domande di carattere tecnico-pratico.

 

LA FORMA

Sono fondamentalmente tre le scelte principali che dovete fare prima di scrivere il vostro arrangiamento e rispondono a tre domande tecniche altrettanto importanti, seppur apparentemente molto scontate.

 

 

  •  Lasciare il brano piuttosto simile ad una versione già pubblicata o che già conosciamo;

 

  • Effettuare qualche piccola sostituzione armonica e/o ritmica che caratterizza il brano da arrangiare, ma senza snaturare troppo la versione più nota o che noi abbiamo in mente;

 

  • Stravolgere totalmente il brano.

 

 

Ognuna di queste domande presume che ci siano delle risposte precise e ognuna di esse comporta dei Pro e dei Contro che dobbiamo analizzare attentamente prima di iniziare.

 

 

 

 

Lasciare il brano quasi identico all’originale o alla versione nota

 

Pro

Immediatezza e semplicità nella realizzazione;

Attenzione immediata da parte del pubblico;

Riproduzione per l’esecuzione più rapida poichè gli esecutori probabilmente già conoscono la versione.

Contro

Mancanza di originalità.

 

Apportare qualche piccolo intervento di carattere armonico o ritmico ad una versione già nota.

 

 

Pro

Immediatezza nella realizzazione poichè si parte da una versione già esistente e con delle competenze musicali si riesce ad intervenire rapidamente e con un buon risultato di partenza legato alla presenza di una versione già esistente;

Attenzione e interessa da parte del pubblico che ascolterà una versione quasi simile a quella che probabilmente già conosce, ma con degli elementi che la caratterizzano e, forse, anche più interessanti.

Contro

Maggiore capacità tecnico-pratiche per la realizzazione;

Maggiore difficoltà o impegno da parte degli esecutori.

 

 

 Stravolgere il brano

 

 

Pro

Grande originalità.

Contro

Maggiore rischio in una esecuzione pubblica, poichè il pubblico potrebbe non aspettarsi quello che avete scritto e potrebbe gradire o meno il vostro elaborato;

Grandi competenze teniche e pratiche sia da parte di chi scrive che di chi esegue.

 

Quindi, qual è la soluzione migliore?

Non esiste una risposta a questa domanda, poichè è assolutamente personale ma per quanto mi riguarda, non accetto mai la prima soluzione, poichè credo che alla base del mestiere di arrangiatore ci sia una capacità creativa che deve sempre e comunque caratterizzare, nel bene e nel male, un qualsiasi brano.

 

 

 

Nella nostra prossima lettura parleremo dell’Analisi Melodica.

 

Se siete interessati a seguire i miei corsi, potrete chiedere informazioni direttamente dal portale scrivendo a info@lezionidimusicaonline.it

Stefano Fonzi

One thought on “Come scrivere un arrangiamento. Seconda Parte – Le scelte fondamentali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi